Home / Attualità / Perché le farfalle stanno scomparendo da tutte le città
Perché le farfalle stanno scomparendo da tutte le città

Perché le farfalle stanno scomparendo da tutte le città

La popolazione delle farfalle è quasi scomparsa negli ultimi anni da più di un ecosistema, soprattutto nelle città italiane ed estere. Perché questo fenomeno e per quale motivo a Brighton sono tornate.

Farfalle scomparse in tutte le città, fenomeno inspiegabile

La popolazione delle farfalle si è ridotta di molto negli ultimi anni, sia nel Regno Unito, ma anche in Italia e in tutta Europa. Secondo vari studi, la popolazione è scesa a causa della perdita dell’habitat, dei cambiamenti climatici e dell’agricoltura industriale. A Brighton, in Inghilterra, sembra esserci speranza di un ripopolamento,  grazie al lavoro di un conservatore della specie, Dan Danahar.

Farfalle e ambiente, un binomio inscindibile

Tra tutti gli insetti, le farfalle sono tra quelli più amati e conosciuti dall’uomo grazie al loro piacevole aspetto e al fatto che non sono velenose, non sono dotate di pungiglioni e di mezzi di difesa e soprattutto non infastidiscono l’essere umano: anzi, gli umani provano felicità a vedere una farfalla che sbatte le sue ali e si avvicina a loro, magari posandosi sui vestiti o sulle dita delle mani. Esse, oltre a far parte del nostro patrimonio naturale, fanno anche parte del nostro patrimonio culturale in quanto molte popolazioni attribuiscono a questi piccoli insetti dei significati religiosi e spirituali. Non tutti sanno, però, che questi piccoli e bellissimi insetti volanti siano un campanello d’allarme dello stato di salute dell’ambiente. Se una specie vive e si riproduce, vuol dire che quel determinato habitat è sano.

Il motivo della riduzione del numero delle farfalle

In Italia le specie minacciate o considerate vulnerabili sono ben cinquantacinque. I motivi principali sono innanzitutto il cambiamento dell’uso del suolo, ormai destinato in particolar modo al settore edilizio, all’agricoltura intensiva (con uso di sostanze chimiche, letali per gli insetti) e ai trasporti e a tanti altri scopi. Si distruggono centinaia di ettari di habitat naturale che non possono essere più utilizzati né dalla farfalle, né da altri animali. Nel Belpaese, le conifere hanno sostituito i boschi decidui, quelli con vegetazione con foglie che cadono durante le stagioni, creando habitat ostili alle farfalle. Solo a Brighton, in Inghilterra, c’è una controtendenza. L’amante delle farfalle Dan Danahar dieci anni fa ha creato un rifugio farfalla nella città costiera di Brighton a Sud di Londra utilizzando i fondi provenienti da una scuola locale e ricevendo l’aiuto dei suoi studenti. In pochissimo tempo tale rifugio ha portato alla colonizzazione della Small Blue che è rarissima a livello nazionale, dell’Adonis Blue, della Brimstone, della Brown Agus, della Green Hairstreak e della Large Skipper. Da allora, sono arrivate 29 specie grazie all’incremento del concetto di biodiversità e all’appoggio dei consigli locali.

 

About Ilaria Ambrogi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *