Home / Attualità / Ricoverata in prognosi riservata a causa dell’hashish, bambina in pericolo
Ricoverata in prognosi riservata a causa dell'hashish, bambina in pericolo

Ricoverata in prognosi riservata a causa dell’hashish, bambina in pericolo

Resta in pericolo la bambina ricoverata in prognosi riservata a causa dell’hashish. Gli inquirenti stanno indagando nel tentativo di capire chi abbia dato alla piccola lo stupefacente.

Bambina in pericolo dopo aver ingerito hashish

I fatti riguardanti la bambina sono accaduti a Legnano, dove la bambina si trovava insieme ai genitori nel parco San Vittore Olona. La piccola di circa un anno e mezzo, dopo aver giocato sotto la stretta sorveglianza dei genitori, pare che abbia toccato qualcosa a terra portando le mani in bocca. In quel preciso istante la piccola ha subito accusato un forte malore con annessa difficoltà respiratorie, tanto che i genitori hanno chiamato immediatamente i soccorsi che hanno trasportato la bambina in ospedale con codice rosso. La bambina è risultata subito in pericolo di vita, tanto che i medici hanno deciso di trasportarla in terapia intensiva dove si trova tuttora monitorata.

Bambina ricoverata a causa dell’hashish

Dopo i primi giorni la bambina fortunatamente risulta essere già in netto miglioramento, anche se i medici non vogliono ancora sciogliere la prognosi riservata. Cosa sia successo alla bambina subito dopo l’ingerimento dell’hashish non è ancora chiaro, anche se sembra essere coinvolti nell’incidente avvenuto alla piccola nel parco San Vittore Olona.

Bambina ingerisce hashish al parco, la Procura apre le indagini

Da giorni stanno indagato sull’accaduto la polizia di Legnano in stretta collaborazione con la Procura della Repubblica di Busto Arsizio, nel tentativo di capire chi abbia portato nel parco l’hashish che la bambina ha ingerito al parco. Insieme a questi ha deciso di aprire un fascicolo anche la Procura dei Minori di Milano, al fine di passare a setaccio l’intera area del parco San Vittorio Olona. Lo scopo è quello di scoprire chi abbia portato la droga nel parco, o chi abbia scelto questo luogo, frequentato da famiglie e bambini, per le loro operazioni di spaccio.

 

About Claudio De Filippi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *