Home / Economia / Garanzia Giovani: rimosso annuncio sessista della Siae di Stradella
Annuncio sessista Garanzia Giovani: Poletti lo fa rimuovere

Garanzia Giovani: rimosso annuncio sessista della Siae di Stradella

Cercasi impiegata bella presenza. È questo l’annuncio rimosso dal sito di Garanzia Giovani, progetto governativo che introduce gli under 29 nel mondo del lavoro

Garanzia Giovani, annunci di lavoro ridicoli

Il Ministero del Lavoro è intervenuto nella polemica dell’annuncio apparso sul portale Garanzia Giovani. Il progetto è nato per aiutare i ragazzi ad entrare nel mondo del lavoro, un accordo triangolare con le Regioni che si occupano dell’accreditamento delle imprese per l’accesso. Chi è iscritto al programma ha già avuto modo di confrontarsi con alcuni degli annunci inseriti, ma uno degli ultimi che è apparso è decisamente sui generis. La Siae di Stradella infatti era alla ricerca di una impiegata bella presenza per un tirocinio formativo di 6 mesi più proroghe. Un contratto part time di 20 ore, retribuzione 400 euro mensili.

Sessismo nel mondo del lavoro

Il Ministro Poletti è intervenuto disponendo l’immediata eliminazione dell’annuncio sessista dal portale Garanzia Giovani. Sono partire inoltre le indagini che verificare le modalità di controllo degli annunci che vengono inseriti. Non sono mancate le polemiche sui social proprio in questi giorni in cui si parla dello scandalo Bellomo, il consigliere di Stato titolare di una scuola per aspiranti magistrati che imponeva un dress code succinto alle allieve.

Su Twitter sono tanti i commenti al tweet di Tiraboschi che ha sollevato la vicenda molti di questi fanno notare che “impiegata bella presenza” è solo l’ultimo degli annunci ridicoli. Per esempio alla rete non è sfuggito il contratto di tirocinio di 20 ore settimanali a fronte di 400 euro offerti. Tuttavia, per dovere di cronaca, c’è stata anche la risposta della Siae che si è scusata per l’accaduto e ha precisato che non era a conoscenza di questa iniziativa. Al mandatario di Stradella è stato revocato il contratto di mandato perché lesivo del rispetto delle donne.

About Andrea Rizzoli