Home / Economia / Giornata mondiale dei lavoratori dei fast food, proteste in tutto il mondo
Giornata Mondiale lavoratori Fast Food

Giornata mondiale dei lavoratori dei fast food, proteste in tutto il mondo

Una giornata storica per chi lavora da Burger King o da McDonald’s: oggi,lunedì 4  settembre 2017,  è la giornata di protesta di chi è dipendente di un fast food

Oggi primo sciopero del lavoro nei fast food

Condizioni economiche e lavorative precarie e turni di lavoro improbabili: sono queste le ragioni della protesta di oggi, lunedì 4 settembre 2017, proclamata dai dipendenti di tutti i fast food. Nonostante marchi come McDonald’s e Burger King producono un fatturato milionario solo in Italia, i lavoratori che lavorano in queste attività non fanno certo la vita da nababbi. Ma non è un problema solo italiano, in quanto in tutto il mondo questa categoria viene discriminata. Per questo oggi è stata proclamata la prima giornata mondiale dei lavoratori dei fast food.

Giornata mondiale dei lavoratori fast food, perché questa protesta

Oggi chi lavora in un fast food protesta, ed è un fenomeno globale. Le condizioni economiche, e non solo, sono oggetto di questa sorta di sciopero di categoria. Dipendenti costretti a lavorare nell’industria di questo tipo di ristorazione in cui i sindacati, come in ogni altro lavoro, esistono, ma fanno fatica a far sentire la propria voce e far rispettare i diritti dei lavoratori. Purtroppo, il dio denaro comanda sempre, visto che dietro anche al più piccolo fast food, ormai c’è una multinazionale. Ma oggi, lunedì 4 settembre 2017, i dipendenti di catene come Burger King e McDonald’s si prendono la loro rivincita con flash mob, volantinaggio e sciopero, il tutto senza disordini, pur essendo un fenomeno globale. In realtà, si vuole dare voce anche a chi non può protestare: le situazioni più estreme e gravi dal punto di vista di normativa del lavoro e salariale si hanno nei Paesi Orientali, in cui multinazionali e colossi del settore ristorativo e catering continuano con lo sfruttamento.

Lavorati fast food in sciopero, chi aderisce

La campagna di protesta è diventata internazionale e coinvolge tutti i sindacati nazionali affiliati alla Iuf, ovvero l’Associazione internazionale dei Sindacati del settore ristorazione, alberghi, catering. C’è da segnalare che anche l’italiana Filcams-Cgil ha aderito alla Giornata Mondiale dei dipendenti dei fast food. Per quanto riguarda i lavoratori in Italia, il contratto collettivo nazionale è scaduto da quattro anni, nei quali si son verificati netti tagli del costo del lavoro e da un peggioramento delle condizioni normative e salariali di un milione di lavoratori del settore, come spiegano i rappresentanti sindacali al giornale La Repubblica.

About Ilaria Ambrogi